Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/256

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
250 lirici marinisti

     Serba il sacro silenzio i muti nodi
in quel labbro modesto;
ma poi libero e presto
l’apre, dando al suo sposo inni di lodi;
serve con libertá signore immenso,
signoreggia le voglie e doma il senso.
     Dentro spine di ferro intatta rosa,
ha del mondo vittoria;
di sua fuga si gloria,
poggia sopra le stelle e in terra posa;
con devota umiltá china i ginocchi
e la mente inalzando abbassa gli occhi.
     Prigioniera, a la terra invia piú franca
la sua candida mente;
bella, casta, innocente,
alba sembra a la gonna intatta e bianca;
e mentre di pietá raggi sfavilla,
di sue lagrime pie rugiade stilla.
     O felici serragli, o sacre mura,
che chiudete e serrate
quel tesor di beltate,
quella gemma d’onor sí tersa e pura;
riverente a voi giro i lumi e i passi,
vi saluto con gli occhi e bacio i sassi.
     E tu d’opra sí pia, signor, ben pago,
godi d’aver produtto
sí generoso frutto,
che serba fior di puritá sí vago;
dch, se paterno amor ti punge il petto,
mostra che ’n ciò sai dominar l’affetto.
     — Padre — par ch’ella dica, — oggi m’ascondo
dentro un’angusta cella,
per fuggir la procella
del tempestoso ed agitato mondo.
«Ben mostra per salvarsi animo accorto
«chi fugge la tempesta e corre al porto». —