Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/277

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

giuseppe salomoni 271

IV

ANTEA

     Voi del nome crudel ben degna siete
de l’antico di Libia empio gigante,
poiché, fatta ne l’opre a lui sembiante,
donna superba, i suoi costumi avete.
     Forte ei pugnò, voi forte combattete,
con l’arme ei de la man, voi del sembiante;
e s’egli fulminò, voi fulminante,
gigantessa d’amor, l’alme uccidete.
     Ver è che voi da l’immortal soggiorno
nasceste, egli dal suol nascer si vide;
egli diforme e voi con volto adorno.
     Cosí mi desse Amor, che ’l cor m’ancide
con la vostra beltá, ch’io fossi un giorno
ne la lotta amorosa il vostro Alcide!

V

DIO, AURIGA DELLE ANIME

     L’uomo è nel mondo un corridore umano,
e ’l cavalier che l’ammaestra è Dio,
che, se talvolta egli si fa restio,
col piè lo spinge in corso e con la mano.
     E se talor, precipitoso, insano,
s’avventa ove ’l trasporta il suo desio,
con duro fren che di sua mano ordio,
dal mortal precipizio il tien lontano.
     E se superbo calcitra e sdegnoso,
stancandolo per strade alpestri e felle
nel maneggio si fa piú rigoroso.
     Se poi gli scopre alfin sue voglie ancelle
e corre seco al ciel, gli dá, pietoso,
biade d’eternitá, stalle di stelle.