Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/294

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
288 lirici marinisti

VIII

ALLA COMICA LAVINIA

     Mentre con umil socco in cari accenti
tutto il regno e i tesori apri d’Amore,
non è, Lavinia, chi gli strali ardenti
per te d’amor non senta dolci al core.
     Se col coturno spieghi aspri lamenti,
non è cor che non gema al tuo dolore;
se favellando giri i rai lucenti,
alma non è che non ne provi ardore.
     S’apri le labbra al riso o gli occhi al pianto,
non è sí duro cor, che a te soggetto
possa di libertá piú darsi il vanto.
     Ma, sia tragico o lieto, ogni tuo detto
è sempre finto, ed altri prova intanto
non finto duol, non finte piaghe al petto.

IX

A UN’ATTRICE DI TRAGEDIA

     Quando al lugubre suon di mesti accenti,
bella e faconda mia, sfogasti in scena
per tragico accidente interna pena,
pendè tacito ognun da’ tuoi lamenti.
     Né mai sí dolce a le sue voci attenti
tenne nocchieri in mar blanda sirena,
né in selva rinovò mai Filomena
con sí soave suon casi dolenti.
     Allor che tu piangesti, a que’ tuoi pianti
piansero mille luci, al tuo pallore
fûr visti impallidir mille sembianti.
     Ma un solo e finto stral del tuo dolore
fe’ doppia e vera piaga a mille amanti,
e fu piaga di duol, piaga d’amore.