Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/348

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
342 lirici marinisti

IV

LA PELLEGRINA

     Vestendo a te simil logore spoglie,
n’andremo uniti, o pellegrina errante;
se nel cammin stancassimo le piante,
con pari amor compartirem le doglie.
     Mercè chiedendo, busserem le soglie,
tu ferma al duolo, io nel patir costante;
il poco cibo ne sará bastante,
in ogni evento avrem concordi voglie.
     Il retaggio paterno in tutto oblia
l’alma ch’ha di seguirti immenso ardore,
ogni paese a noi la patria fia.
     Ma quando il mondo occupa il cieco orrore,
un sol letto n’accoglia; indi si dia
riposo al piede e refrigerio al core.

V

LA DONNA ALL’AMANTE CHE VA ALLA GUERRA

     Disarma il fianco e frena ira e furori;
altra guerra cercar, dch, che ti cale,
se fai con gli occhi tuoi guerra mortale,
onde avvien ch’ogni amante umil t’adori?
     Altri pur sudi a’ marziali ardori,
l’empia spada vibrando a l’altrui male;
tu, guerriero d’Amor, con l’aureo strale
piaga il sen, struggi l'alme, ancidi i cori.
     Non mai tuo brando manderá sotterra
campion; ché pria che gli trafigga il petto
cadrá da’ guardi tuoi ferito a terra.
     S’hai pur di guerreggiar dolce diletto,
meco guerreggia in amorosa guerra;
li miei baci sien trombe, agone il letto.