Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/462

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
456 lirici marinisti

XIV

IL TESCHIO DEL TURCO

     Questo che morto ancora il ciel disfida,
orrido teschio di terribil trace,
mira, Lidia, mio Sol, l’empio omicida
sprezzator d’ogni legge e pertinace.
     Questo de’ traci e capitano e guida
drizzò pronto di man, d’ingegno audace,
ferrata scala, e perché ed arda e uccida
portò ai muri sovente e ferro e face.
     Poggiava alfine, ed io sul collo invitto
tal percossa avventai, che ’l busto forte
senza capo restò fra’ morti ascritto.
     Or mira, e fa’ che sdegno il guardo apporte,
perché può tua pietá d’un uom trafitto
far vita per miracolo la morte.

XV

EPITAFFIO A SE STESSO

     Sparsi sangue ed inchiostro, e in ciel straniero
diedi d’alte speranze ésca al desio;
ma invan, ché fei sotto Saturno austero,
martire del destin, ritorno a Dio.
     Or di quel ch’io girai doppio emisfero,
e del mare e del suol vario e natio,
tanto mar, tanto suol converso in zero,
questo zero mi chiude, e questo è il mio.
     Così, se nel tenor d’aspra sventura
non posai vivo, a la fatal partita
presto a l’ossa riposo in sepoltura.
     Riposo, e non mi svegli alma imperita;
ch’io temo, oimè, l’immortal mia sciagura
non torni a l’ire, e mi richiami in vita.