Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/495

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

federico meninni 489

VIII

SPERANZA DI GLORIA

     Con vomere stridente il suol disserra
l’agricoltor ne la stagion piú fiera,
e sudando fra il gelo i rastri afferra,
per mieter poi l’aurata mèsse altera.
     Tratta i remi il nocchier, ch’in strania terra
predar tesori avidamente spera;
suda gli agoni un fulmine di guerra
per trïonfar de la nemica schiera.
     Straccia il seno a le belve in Erimanto
versando il cacciator tepido rio,
per impetrar d’arder superbo il vanto.
     E vegghiando le notti anco sper’io
forse con la mia penna e col mio canto
ferir la morte e fulminar l’oblio.

IX

LA BUGIA, REGINA DEL MONDO

     Sol menzogne ravviso ovunque il guardo
de l’intelletto e de le luci io giro.
Se d’un nume terren la reggia io guardo,
mille di falsitá ritratti io miro;
     se ’l piè talor entro i musei ritardo,
iperboli dipinte i lini ammiro;
lusinghiera beltá viso bugiardo
m’addita, allor che a vagheggiarla aspiro.
     Turba di fole entro i licei dimora,
né di finte apparenze è ’l cielo avaro,
quando a l’iride un arco il Sol colora.
     Ma che giova schernir gli altri che alzâro
trono superbo a la bugia, se ancora
bugie da Febo, io che ragiono, imparo?