Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/501

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

lorenzo casaburi 495

II

INGENIUM IPSA PUELLA FACIT

     Col domestico lume altri pur tenti
accrescer lumi a’ numeri sudati,
ch’a far chiaro il mio stil saran possenti
i dolci rai di duo begli occhi amati.
     S’altrui dan metri amenitá di prati,
a me dan melodie guance ridenti;
s’altrui destan lo ’ngegno i pinti alati,
alza un cigno fastoso i miei concenti.
     Se d’erto faggio il verde crin si mira
altrui la lingua all’armonie disporre,
a me chioma dorata i canti inspira.
     S’altri la cetra sua brama comporre
lungo un ruscello, io vo’ temprar mia lira
presso un tenero sen, che latte corre.

III

OCCHI NERI

A richiesta di Giuseppe Mastrilli Gomez

     Occhi neri, occhi belli, or quale avrete
nome che ’l vostro esprima alto valore?
Bruni lapilli io non dirò che siete,
se i dí fausti per voi mi segna Amore.
     Calamite non giá, mentre sapete
a me rapir, del ferro in vece, il core;
fosche stelle né pur, poiché potete
di mia stella cangiar l’aspro tenore.
     Direi ch’abbia la notte in voi soggiorno,
se non sapessi ben che solo io vissi
per voi sereno e sempre lieto il giorno.
     Se miei Soli ecclissati io dirvi ardissi,
folle sarei, ch’anco del sole a scorno
mi sa vita recar la vostra ecclissi.