Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/53

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

francesco della valle 47

CLAUDIO ACHILLINI


I

LA DIPARTITA

     Ecco vicine, o bella tigre, l’ore
che tu de gli occhi mi nasconda i rai.
Ah, che l’anima mia non senti mai,
meglio che dal partir, le tue dimore!
     Fuggimi pur con sempiterno errore:
sotto straniero ciel, dovunque, sai
che, quanto piú peregrinando vai,
cittadina ti sento in mezzo al core.
     Ma potess’io seguir, solingo errante,
o sia per valli o sia per monti o sassi,
Forme del tuo bel piè leggiadre e sante
     ch’andrei lá, dove spiri e dove passi,
con la bocca e col cor, devoto amante,
baciando l’aria ed adorando i passi.