Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/63

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

girolamo preti 57

IV

L’AMANTE TIMIDO

     Ardo, tacito amante, e ’l foco mio
celar non posso e palesar pavento;
e vuol quinci il timor, quindi il desio,
or ch’io taccia, or ch’io dica il mio tormento.
     Or uno sguardo, or un sospiro invio,
muto nunzio del cor, muto lamento;
ma sdegno turba i be’ vostri occhi, ond’io
di quello sguardo e del sospir mi pento.
     Omai privo di speme, anzi di vita,
scopro a voi la mia morte e non l’amore,
e vi chieggio pietá, ma non aita.
     Chiede l’alma dolente al crudo core
solo un sospiro all’ultima partita...
È pur poco un sospiro a chi si muore.

V

LA DONNA ALLO SPECCHIO

     Mentre in cristallo rilucente e schietto
il bel volto costei vagheggia e mira,
armando il cor d’orgoglio, il ciglio d’ira,
del suo bel, del mio mal prende diletto.
     Vaga del vago e lusinghiero aspetto
dice: — Ben con ragion colui sospira! —
Sembrano a lei, che sue bellezze ammira,
oro il crin, rose il labbro e gigli il petto.
     Ah, quel cristallo è mentitor fallace,
che scopre un raggio sol del bello eterno,
anzi un’ombra d’error vana e fugace!
     Vedrai, se miri il tuo sembiante interno,
cui ritragge il mio cor, specchio verace,
angue il crin, tòsco il labbro, il petto inferno.