Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
68 lirici marinisti

X

FRA LE MASCHERE IN CARNEVALE

     Costei da parte eccelsa il popol folto
stassi a mirare in varie larve ascoso,
e ’l suo rigido cor dentro al bel volto
de l’altrui vaneggiar mostra gioioso.
     Se talun miro in rozze spoglie involto
dico: — Quegli è rivale insidịoso; —
se chi d’amarla infinge intento ascolto,
anco il finto amator mi fa geloso.
     Se avanti a lei talun con dubbio errore
scherza d’ebro in sembianza, io dir mi sento
— Quegli per lei vacilla, ebro d’amore. —
     Lasso, e quando giamai vivrò contento,
s’anco da vane larve entro al mio core
nel comune gioir nasce il tormento?

XI

LA BAMBINA DELLA SUA DONNA

     Pargoletta vezzosa, i miei pensieri
regge la man ch’a te regge le piante
dentro a quegli amenissimi sentieri,
lá dove io giro a pena il guardo amante.
     Tu movi il piè sicuro ai dolci imperi,
ed io vacillo a duo bei lumi avante;
odi tu cari accenti e lusinghieri,
ed io, colmo di duol, labro tonante.
     A te giá stanca il molle sen concede
l’amorosa maestra; al mio languore
niega fin d’un sospir poca mercede.
     Oh stravaganza, oh crudeltá d’Amore!
Far ne la stessa via sicuro un piede
e fabricare il precipizio a un core.