Pagina:AA. VV. - Lirici marinisti.djvu/76

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
70 lirici marinisti

XIV

L’ABITO SACRO

quando l’autore ebbe dal suo signore un beneficio ecclesiastico

     Armato il fianco, or non sei piú di Marte,
come sembravi, intrepido seguace;
ma, il guerriero desio posto in disparte,
sembri in vesta sacrata angel di pace.
     O pur son l’armi tue di vote carte,
onde giá fatto umilemente audace,
pugni per gir vittorïoso a parte
del bel, che sempre sazia e sempre piace.
     Arda pur nel tuo sen sí bel desio:
giá t’ha ’l sentier per le vittorie aperto
l’augusta man del tuo signore e mio;
     e ’l nero manto, in cui rivolgi il fianco,
è l’ombra del favore onde coperto
vai da l’insidie altrui sicuro e franco.

XV

LA MADDALENA

     Venite a rimirar la gloria vostra,
O giá di Maddalena accesi amanti;
venite a rimirar come i sembianti,
con novello artificio, ella s’inostra.
     Oh d’eccelsa beltá leggiadra mostra!
cangia le ricche vesti in rozzi manti,
il riso insidïoso in tristi pianti,
i superbi palagi in umil chiostra.
     Quel biondo crin, ch’in dolci nodi accolto
fregiò di perle, or fra le brine e ’l gelo
sovra gli omeri porta ispido, incólto.
     E cosí, armata di verace zelo,
serena il core e nubilosa il volto,
se giá l’alme rapía, rapisce il cielo.