Pagina:A Prato impressioni d'arte.djvu/62

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 46 —


dell’udienza del comune conserva ancora la sua bella cornice intagliata, ma è stata deturpata quà e là da ritocchi e lo stile del maestro è offuscato dalla mano di qualche scolaro.

Le due tavole di Fra Filippo: la Natività del Cristo e la Madonna della Cintola rispecchiano quel gentile misticismo che rendonoFonte/commento: Pagina:A Prato impressioni d'arte.djvu/85 così seducenti e poetiche le sue creazioni religiose dove anche l’affetto matèrno ha tanta parte. Queste sue tempere sono così calde nei toni e robuste nell’impasto dei colori da sembrare pitture a olio.

Nell’ultima composizione la Madonna è la fisonomia meno espressiva e curata; ma le giovanili figure dell’arcangiolo Raffaele, di Tobia e di San Tommaso inginocchiato davanti alla Vergine, si impongono alla nostra più schietta ammirazione; interessante anche una predella che faceva parte della Natività ora al Louvre e su cui sono svolte le tre scene: la Circoncisione l’Adorazione dei re Magi ed il Massacro degl’Innocenti; la terza pittura offre molti punti di somiglianza con la piccola tavola del Beato Angelico ora all’Accademia a Firenze insieme a tutta quella preziosa raccolta di lavori suoi, condotti con la finezza scrupolosa del miniatore.

Vi é un’altra tavola che fu allogata al Lippi dagli ufficiali del Ceppo dei Poveri e che fino