Pagina:A Prato impressioni d'arte.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 56 —

Andrea Della Robbia eseguì nei pennacchi, nel 1491, in terracotta smaltata, i tondi con le figure dei quattro Evangelisti.

Gaetano Guasti nel suo libro: I Quadri della Galleria e altri oggetti d’Arte del comune di Prato (Prato 1888), riporta a questo proposito preziosi documenti da lui diligentemente compulsati. Trascrivo ciò che si riferisce all’opera d’Andrea della Robbia in questo Oratorio, estratto dai Giornali della Muraglia, libro 1490 91, nell’archivio del Patrimonio Ecclesiastico di Prato.

«1491. Andrea di Marcho della Robia da Firenze, a di 13 di Maggio l. sesanta cinque, sono chontanti ebbe da noi per parte de’ 4 Vangelisti fa per questa opera.

«A Iachopo di Stefano di Guaspari, a di 1 Luglio, l. 7, sol. 8, den. 4, sono chontanti gli demo per vettura de quattro Vangelisti invetriati ricevuti da Andrea di Marcho della Robia di Firenze.

«A Andrea di Marcho della Robia, a dì 20 Agosto, l. 78, sono chontanti gli paghamo per resto de 4 Vangelisti della nostra Opera, cioè per ogni resto. Portò Rartolomeo Fantalucchi.

«A Andrea di Marcho della Robia, a di 26 di Settembre, l. xxxviiij, e quali denari gli portò Rartolomeo Fantelechio nostro provve-