Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/223

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

l’amor divino e l’eros platonico 217

l’amore del padre al figliuolo carnale, ovvero del maestro al discepolo, che è suo figlio spirituale; e ancor il simiglia l’amor d’un virtuoso amico a l’altro.

Sofia. In che modo? Non l’assimiglia giá nel desiderio che ha il padre di fruire sempre il suo figliuolo, e l’amico il suo amico, ché questo presuppone ne l’amante mancamento di perpetua fruizione, il quale in Dio non cade.

Filone. Benché in questo amore e desiderio non l’assimigli, l’assimiglia pur in ciò, che l’amore del padre consiste assai nel desiare al figliuolo ogni bene che gli manchi, il qual presuppone mancamento nel figlio amato, non giá nel padre amante; cosí il maestro desia la virtú e sapienzia del discepolo, che mancano al discepolo e non al maestro, e l’uno amico appetisce che la felicitá, che manca a l’altro amico, che l’abbi e sempre la fruisca. È ben vero che questi amanti (per essere mortali), quando viene a effetto il suo desiderio del ben de’ loro amanti, guadagnano una allegrezza delettabile, che prima non aveano; qual non interviene in Dio, perché niente di nuova letizia, diletto o altra passione o nova mutazione gli può sopravenire de la nuova perfezione de le sue amate creature: però che lui, d’ogni passione libero, è sempre immutabile e pieno di dolce letizia, suave gaudio ed eterna allegrezza; solo è differente che l’allegrezza sua reluce ne’ suoi figliuoli e amici perfetti, ma non negl’imperfetti.

Sofia. Molto mi piace questo discorso: ma come mi consolerai di Platone che, essendo quel che è, nieghi che in Dio sia amore?

Filone. Di quella spezie d’amore, del quale nel suo Convivio disputa Platone (che è sol de l’amore participato agli uomini), dice il vero, che non ne può essere in Dio: ma de l’amore universale, del quale noi parliamo, sarebbe falso negare che in Dio non ne fusse.

Sofia. Dichiarami questa differenzia.

Filone. Platone in quel suo Simposio disputa solamente de la sorte de l’amore che negli uomini si truova, terminato ne l’amante ma non ne l’amato: però che questo principalmente