Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/56

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
50 i - d’amore e desiderio

si priva il cordiale amore, anzi si collega piú la possibile unione. La quale ha attuale conversione d’uno amante ne l’altro, o vero è fare di due uno, removendo la divisione e diversitá di quelli quanto è possibile, restando l’amore in maggiore unitá e perfezione. E resta in continuo desiderio di godere con unione la persona amata; che è la vera diffinizione d’amore.

Sofia. Dunque mi concedi che ’l fine del tuo desiderio consiste nel piú materiale de li sentimenti, che è il tatto; ed essendo l’amore cosa cosí spirituale, come dici, mi maraviglio che metti il fin suo in cosa tanto bassa.

Filone. Non ti concedo che sia questo il fine del perfetto amore: ma t’ho detto che questo atto non dissolve l’amore perfetto, anzi il vincola piú e collega con gli atti corporei amorosi; che tanto si desiderano quanto son segnali di tal reciproco amore in ciascuno de’ due amanti. Ancora perché, essendo gli animi uniti in spirituale amore, i corpi desiderano godere la possibile unione, acciò che non resti alcuna diversitá e l’unione sia in tutto perfetta; massime perché, con la correspondenzia de l’unione corporale, il spirituale amore s’augumenta e si fa piú perfetto, cosí come il conoscimento de la prudenzia è perfetto quando corrispondeno le debite opere. E in conclusione ti dico che, ancor che di sopra abbiamo diffinito l’amore in comune, la propria diffinizione del perfetto amore de l’uomo e de la donna è la conversione de l’amante ne l’amato, con desiderio che si converti l’amato ne l’amante. E quando tal amore è eguale in ciascuna de le parti, si diffinisce conversione de l’uno amante ne l’altro.

Sofia. Ancora che le tue ragioni sieno non manco verisimili che sottili, io fo giudizio de l’esperienza: a la quale piú che a nissuna altra ragione si debbe credere. Si veggono molti che amano, e, avuto da le loro amate quello che desiderano degli atti corporei amorosi, non solamente cessa il loro desiderio, ma ancora l’amore totalmente e qualche volta si converte in odio. Come fu quello d’Amone figliuolo di David: il quale con tanta efficacia amò Athamar sua sorella, che era venuto per quella infermo e in pericolo di morte; e, dipoi che