Pagina:Africa orrenda.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
26 Africa orrenda


Finchè, tra un baccanal d’anime guerce,
     La Sconfitta e la Resa in Campidoglio;
15L’Onore in ceppi, il Vituperio in soglio,
     Ludibrio il Dritto, la Giustizia merce:

Lungi da questo sciagurato suolo,
     Lungi dall’età rea sorga il poeta:
Liriche strofe, liberate il volo
     20A ciel più puro, a region più lieta.

A che turbar dei bellicosi ladri
     L’animo pio con misurati pianti?
O cari petti giovanili infranti,
     È troppo che su voi piangan le madri!


II.

25Ove andrem noi? Sangue e miseria intorno
     E fango. Oh ferrea notte
     D’Europa! Oh immani lotte
Di truffatori! E ancor lontano è il giorno.