Pagina:Alamanni - La coltivazione.djvu/338

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
322 BACCO

     Cui bacia il Lambro il piede,
     Ed a cui Colombano il nome diede,
     Ove le viti in lascivetti intrichi
     510Sposate sono, in vece d’olmi, a’ fichi.
Se vi è alcuno, a cui non piaccia
     La Vernaccia
     Vendemmiata in Pietrafitta,
     Interdetto
     515Maladetto
     Fugga via dal mio cospetto,
     E per pena sempre ingozzi
     Vin di Brozzi,
     Di Quaracchi e di Peretola,
     520E per onta e per ischerno
     In eterno
     Coronato sia di bietola;
     E sul destrier del vecchierel Sileno,
     Cavalcando a ritroso ed a bisdosso,
     525Da un insolente satiretto osceno
     Con infame flagel venga percosso:
     E poscia avvinto in vergognoso loco,
     Ai fanciulli plebei serva per gioco;
     E lo giunga di vendemmia
     530Questa orribile bestemmia.
Là d’Antinoro in su quei colli alteri,
     Ch’han dalle Rose il nome,
     Oh come lieto, oh come