Pagina:Alamanni - La coltivazione.djvu/344

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
328 BACCO

     La Verdea soavissima d’Arcetri:
     670Ma se chieggio
     Di Lappeggio
     La bevanda porporina,
     Si dia fondo alla cantina.
     Su trinchiam di sì buon päese
     675Mezzograppolo, e alla franzese;
     Su trinchiam rincappellato
     Con granella e Soleggiato:
     Tracanniamo a guerra rotta
     Vin Rullato e alla Scïotta;
     680E tra noi gozzovigliando,
     Gavazzando,
     Gareggiamo a chi più imbotta:
     Imbottiam senza paura,
     Senza regola o misura:
     685Quando il vino è gentilissimo,
     Digeriscesi prestissimo
     E per lui mai non molesta
     La spranghetta nella testa;
     E far fede ne potría
     690L’anatomico Bellini,
     Se dell’uve e se de’ vini
     Far volesse notomia:
     Egli almeno, o lingua mia,
     T’insegnò con sua bell’arte
     695In qual parte