Pagina:Albertazzi - Il diavolo nell'ampolla, 1918.djvu/176

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
168 il diavolo nell'ampolla


travano nella corrente e godevano a diguazzare in quella vivida intermittenza, a precedere o a tener dietro ai compagni attraverso quella confusione e quel palpito d’acqua e splendore. E l’esser passati era per gli animali e per gli uomini come un’allegra vittoria.

Venne ultimo, con la sgangherata biroccetta e l’asino, Sugnazza. Anche lui! Urlava anche lui; e bastonava. Ma l’asino non aveva baldanza: troppi digiuni e troppe bòtte. E quando non era ancor a metà del guado, si fermò. Si fermò rigido, a orecchie chine, con intenzione dubbia. L’arrestava l’ignota delizia del bagno, o lo atterrivano il luccichio e la vertigine? E non bastavan più il bastone e le grida.

— Dalli, Sugnazza! — Arrì! — Forza! — ripetevano i birocciai sghignazzando, intanto che raccoglievano dai mucchi la ghiaia e la caricavano con fragore di badili. — Forza! Se no, l’acqua ti porta via! Dàlli!

Dava; e l’asino, duro. Finchè, fosse una randellata di tal sorta da affrettare il destino, o fosse una funesta illusione di riposo e di pace che irresistibilmente l’attirasse, la bestia si abbandonò e cadde; e Sugnazza battè il petto contro il riparo, dinanzi. Ahi! Calò, sì, subito, nell’acqua e, furioso, percosse, bestemmiò e maledisse; ma era finita. E quando fu certo....