Pagina:Albertazzi - Il diavolo nell'ampolla, 1918.djvu/194

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 il diavolo nell'ampolla


non era da rintracciare fuori del convento la coscienza ottenebrata e laida che allo spirito soddisfacesse pienamente.

In un frate, dunque? Imprigionarlo in un frate peccatore? Oh certo!: il diavoletto sarebbe lieto di balzargli addosso, di sguazzarci dentro! E senza dubbio si ostinerebbe a rimanere nella insolita ambita stanza (un frate!) anche durante l’esorcismo; e allora....; battaglia vinta! All’inferno, una buona volta! Non più triboli per l’eredità!

Era un pensiero cattivo? Un consiglio del gran Demonio? Perchè, badate, ci voleva che uno di quei fraticelli così savi e pii cadesse in colpa, e che il priore per conoscerlo all’uopo lo confessasse, e confessandolo non lo assolvesse prima d’aver compiuto l’esorcismo e aperta o rotta l’ampolla.... Ci voleva una tentazione irresistibile per qualcuno dei suoi cari monaci!

Ebbene, le vite dei Padri non attestavano forse che anche le tentazioni giovano? Giovano a provar la virtù? Non era lecito, doveroso forse, mettere di quando in quando a prova le virtù del convento? E per la fragilità umana non tornava possibile, possibilissimo, l’errore pur di un fraticello che fosse savio e pio?

Gran prudenza, sì, richiedeva la buona fama dal monastero da mantener intatta. E il priore