Pagina:Albertazzi - Il diavolo nell'ampolla, 1918.djvu/54

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
46 il diavolo nell'ampolla


— Hamm! Ti mangio!

Le strida sbigottirono fin i passeri, su per il tetto.

E il grillo?

Rispondeva il nonno che i grilli di giorno stanno in casa, per uscir la sera a cantare alla luna e alle fate.

E lei, credula, ripigliò la faccenda di prima; decisa a non lasciarsi ingannare mai più.

Ora il vecchio l’udiva borbottare senza ascoltarla e seguiva il ronzo d’un calabrone tra il folto dei rami. E, come la piccolina quando egli protraeva una tiritera noiosa, chinò il capo; e a poco a poco si addormentò.

C’era tuttavia da dubitare che fingesse, per tradir poi di nuovo; e l’altra venne a lui adagio; lo considerò un pezzo, lo toccò a un braccio; fuggì zitta. Dormiva? Ripetè, più ardita. Lui non si mosse; una mosca gli passeggiò sul naso: essa rise, e si convinse che dormiva davvero.

Che cosa fare adesso? Pensava di scappar via; di correre dal garzone, il quale sapeva formar bambocci con la paglia o con la mota; pensava di inseguire una farfalla al sole.

Ma rammentava le minacce materne e l’imposizione di non scostarsi dal nonno; e trovò meglio imitare il nonno. Per dormire allo stesso