Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/145

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
La passione d’un gentiluomo veneziano 143


gannata dall’amante: il Pasqualigo ebbe minacce di morte entro otto giorni se si ritrovasse ancora una volta con Vittoria, ed essa pativa d’una gelosia divenuta incomportabile tormento.

Invano egli tentò di assicurarla che solo per nascondere il vero amore ne simulava ora un altro; Vittoria minacciava di uccidersi.

«Ma ditemi — le scriveva l’amante per frenarla —: vi piacerebbe ch’io rotto ogni freno di ragione, venissi con forza a levarvi di casa per torvi di mano a chi potrebbe tor la vita a voi? O pure vi piacerebbe ch’io, spinto dal desiderio della salute e contentezza vostra, uccidessi lui, e mi convenisse poi d’esser eternamente separato da voi?» .

I pericoli infatti aumentavano con l’aumentare dei sospetti nel conte, il quale proibiva alla moglie finanche di stare alla finestra, e fino a un amico dava incarico di osservarla: a un certo Fortunio.

Costui già da tempo aveva saputo che un ritratto di Vittoria era in possesso d’Alvise; più di una volta era stato sul punto di sorprendere gli amanti; forse o senza forse era stato lui l’autore delle lettere anonime e quello che aveva trafugato a madonna un pacchetto di lettere: di madonna era innamorato anche lui. Oltre Fortunio spiava Vittoria una «ribalda» cognata o suocera.

E il marito «tutto il di gridava seco dicendole: io ti darò tanta mala vita che ti farò anzi