Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
206 Adolfo Albertazzi


erompe dalla inerte materia. È una squallida uguale tiistezza. Eppure così bella!

***

I calanchi — a cercarvi conchiglie fossili — furon la mèta dei primi giuochi per me e Adriana: compagni d’infanzia.

E forse quell’asprezza del luogo nativo ci aveva come d’istinto allevati a una fiera puerizia, che contrastava all’educazione familiare.

Ma con l’aumentar dell’età preferimmo scendere per i campi nella Landa e là raccoglier fiori con lo spettacolo della montagna di fronte, così vario di tinte e di luci nel seguir delle ore. Giorni beati del l’anima ancor candida! giorni felici delle prime ingenue e pure tentazioni d’amore!

S’intende però che, con tutto il bene che ci volevamo, Adriana ed io ci accapigliavamo spesso; a volte pià che lo sfogo di una bizza improvvisa era quasi una prova di ribellione. Avevamo l’arcana coscienza di esser legati dall’affetto per sempre, e ci bisognava anche la coscienza di poter divincolarci.

A volte diveniva fin necessario l’intervento di qualche amico per rimetterci in pace: a fatica sembravamo far grazia l’uno all’altra; e ne avevamo tanta voglia di sorriderci e di correr via insieme, incontro alla gioia, incontro a un non dubbioso avvenire!