Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/212

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
210 Adolfo Albertazzi


raccoglierle fiori e mentastro, come quando eravamo bambini.

Intanto lei cuciva e discorreva.

— Che paradiso, qui! Ci starei da mattina a sera!

Indi, col tono di chi dice la cosa più semplice, più naturale, più innocente del mondo:

— Che brividi di delizia in quest’acqua così fresca, all’ombra! Ci fo il bagno ogni giorno.

10 ebbi un senso di disgusto, quasi di panico.

E dissi:

— Se qualcuno ti vede?

— A mezzodì, quando tutti sono a desinare?

Chi temi che ci venga quaggiù?

Fui per gridarle: — Non voglio! —; se non che sapevo che per piegarla al mio volere non era quello il modo. E tacqui. Un silenzio — speravo — ammonitore.

Tacere quando avevamo tante cose da dirci!

— Ah! — esclamò lei d’improvviso. — Mi dimenticavo di darti una brutta nuova, Paolone sta male. È a letto da tre giorni con una polmonite.

E Lamandini?

Indovinò la mia dimanda.

— Isidoro se ne andrà alla caduta delle foglie.

Tisi senile.

***

IL giorno dopo andammo a trovar Paolo Querzè.

Era infuocato dalla febbre e di tratto in tratto