Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/255

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Che cosa e' il mondo? 253


razza di cani. Dunque..., che gusto matto grapparli per di codino e dondolarli come zucche!

Il signor Petronio disapprovava, evidentemente. Ma in quel punto l’amico entrò dal tabaccaio e vi si trattenne un po’ a discorrere. Riprendendo il cammino, riprese il signor Petronio:

— Vorreste ammazzarli tutti quanti?

— Chi?

— I Chinesi.

— Tutti! Far del largo, anche per voi! Se laggiù non ci nascesse più frumento, riso o fagioli, voi diventereste milionario!

— E qui, dopo? A mandar la roba là, ci mancherebbe a noi. Bell’interesse! Non capite che è una ruota? Abbpndanza là, carestia qui: abbondanza qui, carestia là. Invece di far la guerra, per questo, sarebbe meglio venir a patti; contrattare. — Quanto domandate, voi Chinesi, per lasciarci coltivare il riso anche a noi, Italiani, Inglesi o Russi? — Tanto! — Vi diam tanto; e parola da galantuomini. Una stretta di mano, senza protocolli; e amen!

— Ma la guerra non si fa per questo, per guadagnare.

— Perchè allora?

— Per la civiltà.

Il signor Petronio non attendeva altra risposta.

Cominciò tranquillamente l’esposizione del suo sistema, la spiegazione della legge civile, umana, mondiale, divina. Ad ascoltarlo, strada facendo, si