Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/264

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
262 Adolfo Albertazzi


della mente, essa è diventata superiore all’uomo nel resto e, per legge di evoluzione e di perfettibilità, la donna ha dunque da predominare.

Quanto al poeta Prôneur, egli cantava la perfezione sociale dell’alveare: una regina; le api operaie; i fuchi riproduttori. Da milioni d’anni — diceva — i fuchi son paghi d’esser fuchi. Oh che virile gioia sarebbe per gli uomini non essere altro che fuchi! Lode ai fuchi! Gloria alle operaie! E viva la regina!

Or il Fraternale Governo non si era perduto a confutar cotesti ragionamenti: ma quando ebbe in mano il tubetto che una donna operaia deponeva nella sala del consiglio e che acceso sarebbe bastato a sconquassar tutta Lublino, quando la donna interrogata rivelò sorridendo, con incoscienza che un tempo sarebbe parsa eroismo, chi le aveva dato il micidiale incarico, esso — il Direttorio — non indugiò a prendere una severa deliberazione, per amore, s’intende, della Gran Repubblica.

La proposta di rinchiudere i rei nella casa di salute psichica, quali delinquenti soliti, non passò; l’attentato alla salute della Gran Repubblica non era da compatire o da compiangere come un qualsiasi assassinio commesso per forza morbosa. Ci voleva un esempio di castigo spaventevole.

E con undici voti su dodici i congiurati furono condannati a morte.

A morte?