Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/267

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Nell'anno XX della Re-So-Eu 265


adagio per goder con libero respiro lo spettacolo da troppo tempo non dato.

La funzione, del resto, non durò che pochi minuti.

Così: i rei, in fila, ascesero il palco infame e con a lato i cinque incaricati di deporne i corpi tronchi nelle casse radioattive, si disposero ciascuno alla sua lunetta: dinanzi a loro, altri cinque assistenti aspettavano l’attimo per mostrare le teste al popolo, deporle subito nelle altre singole casse e distribuirle nei gabinetti del laboratorio.

Al segno del fratello boia i giustiziandi s’inginocchiarono.

Essi gridarono: «Viva la monarchia fem...!».

E, rotta a mezzo nelle cinque bocche l’ultima parola, le esecuzioni furono fatte, cinque in una volta, senza scuotere l’animato, alto silenzio dell’attesa. Impossibile far meslio e piij presto!

Quel che segui, s’immagina, poichè tutto procedette secondo le prescrizioni del dottor Pantìfìlo.

Tutto?

Quasi tutto.

I rei erano stati disposti sul palco in questo ordine, e in questo ordine prendendoli — da sinistra a destra — i loro corpi tronchi furono distribuiti nei gabinetti della Clinica: l’astronoma, lo sportsman, il poeta, il filosofo, la fisico-chimica.

Invece, per una lieve svista, le teste furono portate ai gabinetti nello stesso identico ordine, ma