Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/29

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
Il cane dello zio Prospero 27


VI.

Rimase alla Valletta una settimana: tempo sufficiente perchè il vecchio contadino, il quale dianzi l’aiutava a tender le reti, a invischiare, o a batter le macchie, si convincesse che il padrone era ammattito del tutto. Aveva mandato a prendere i richiami, la civetta e gli arnesi; ma non si recarono nemmeno una volta al paretaio o nelle larghe a tirar alle allodole. Camminavano su e giù per i campi aspettando che il cane scovasse la lepre, e non sparavano un colpo; e sedevano stanchi alle prode dei fossi. Ivi il padrone o contemplava, vattelapesca chi e che cosa, oppure discorreva in modo che non l’avrebbe capito l’arciprete.

— La verginità volontaria avvicina l’umanità a Dio. Lo credi?

— Sissignore — il vecchio rispondeva, fedele al principio che conviene dar sempre ragione ai matti.

— Da che mondo è monda la vita fu considerata come una prova dell’uomo e della donna per elevarsi, perfezionarsi l’anima; e l’amore, come s’intende dai più, fu considerato un abbassamento, un prolungamento di quella prova superata soltanto dalla verginità. Lo credi?

— Dice bene lei!

E un’altra volta, quel poveretto, tenne al contadino questo bel discorso: