Pagina:Albertazzi - Top, 1922.djvu/55

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
A Sant'Elpidio 53


echi, più forte e vibrante si diffuse il suono delle campane.

Elena Baschi, commossa, pensava.

Con l’orgoglio di bastare finalmente a sè stessa, con la superiorità che le prometteva la cultura della Scuola Normale, con la fiducia di aver a compiere una nobile missione non l’attendevano forse lieti giorni in così mirabile luogo? Non potrebbe sperare anche là d’esser degnamente amata? Gli otto mesi da trascorrere a Sant’Elpidio non sarebbero almeno, per lei, come la vigilia di una festa avvenire, la prova meritoria della felicità avvenire?

***

Prese a dozzina la nuova maestra una vedova, vecchia di forse sessant’anni, piccola e grassa; col viso grinzoso, cotto dal sole. Gli occhi vivi; non brutta, e ridente. Ma doveva essere avara, perchè il vitto, abbondante e buono ai primi giorni, andò scemando in quantità e qualità; e nei modi la vecchia dava a vedere una rozzezza inasprita dai pregiudizi e dalle costumanze incivili. Così, faceva che l’ospite desinasse e cenasse sempre sola, sebbene la tavola fosse apparecchiata per due; per l’ospite e per il figlio Agostino, il tiranno.

Questi mercanteggiava in bestiame; ai paesi e alle fiere del monte e della pianura. Era bell’uomo e villanzone. Incontrandosi con Elena, ai