Pagina:Alberti, Leon Battista – Opere volgari, Vol. II, 1966 – BEIC 9707880.djvu/165

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search





LIBRO III


Ne’ duo libri di sopra investigammo vari e utili rimedi a non ricevere a sé perturbazione alcuna; e vedesti non pochissimi particulari e succinti rimedi atti a sedare e’ sinistri movimenti dell’animo, quando forse insurgessono in noi o da nostro errore, o da vizio altrui, o dalla condizione de’ tempi e volubilità della fortuna e durezza de’ casi nostri. Restavano ora certi ammonimenti generali accommodati ad espurgare qualunque fusse in noi insita e obdurata grave maninconia, — materia certo utile e degna, qual vederai disputata in questo terzo libro dal nostro Agnolo e dal nostro Niccola, uomini civilissimi e peritissimi, non forse con quanta dignità si converrebbe alla autorità e prestanza loro, però che in me, confesso, non è tanta eloquenza né tanto ingegno ch’io possa imitare la gravità e maturità d’Agnolo Pandolfini in miei scritti e sentenze, e affermo non potrei esprimere la suttilità d’ingegno e prestezza d’intelletto quale io conosco essere in Niccola. Né mi sento essercitato in modo ch’io possa coniungere e conchiudere con arte e ordine tanta esquisita dottrina e maravigliosa erudizione qual ciascuno de’ nostri cittadini sente e già più tempo conobbe essere in ciascuno di que’ due. Ma saranno e’ documenti raccolti e referiti da costoro per sé sì approbatissimi che non dubito ti diletterà riconoscerli presso di noi, qualunque sia in me eloquenza e adattezza a dire. E udirai da questi due uomini dottissimi cose degne, grate e utilissime. Leggimi, come sino a qui facesti, con avidità e attenzione, e proponti quasi essere quarto fra noi a questi ragionamenti del nostro Agnolo, omo integrissimo e prudentissimo, quale alle disputazioni prossime di sopra, usciti che noi fummo di chiesa e iti due e due altri passi, si fermò,