Pagina:Alberti, Leon Battista – Opere volgari, Vol. III, 1973 – BEIC 1724974.djvu/179

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search




Que’ che affermano la lingua latina non essere stata comune a tutti e’ populi latini, ma solo propria di certi dotti scolastici, come oggi la vediamo in pochi, credo deporranno quello errore vedendo questo nostro opuscolo, in quale io raccolsi l’uso della lingua nostra in brevissime annotazioni. Qual cosa simile fecero gl’ingegni grandi e studiosi presso a’ Greci prima e po’ presso de e’ Latini, e chiamorno queste simili ammonizioni, atte a scrivere e favellare senza corruttela, suo nome, grammatica. Questa arte, quale ella sia in la lingua nostra, leggetemi e intenderetela.


Ordine delle lettere


i r t   d b v
n u m p q g
c e o a x z
l s f ç ch gh


Vocali


a ę ẻ i o ô u
ę è é ę
Coniunctio

Verbum

Articulus
el ghiro girò al çio el zembo.
e volse pôrci a’ porci quèllo chẻ ể pẻlla pelle.