Pagina:Alberti, Leon Battista – Opere volgari, Vol. III, 1973 – BEIC 1724974.djvu/190

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
186 grammatica della lingua toscana


Sono adonque due coniugazioni: una che finisce in a, l’altra finisce in e.

Alla coniugazione in a, quello a si muta in o, e fassi la prima persona singulare indicativa e presente; e mutasi in i, e fassi la seconda; e così si forma tutto il verbo, come vedrai la similitudine qui, in questo esposto:


Indicativo

Amo, ami, ama. Plurale: amiamo, amate, amano.

Amavo, amavi, amava. Plurale: amavamo, amavate, amavano.

Amai, amasti, amò. Plurale: amamo, amasti, amarono⟩.

Ho, hai, ha amato. Plurale: abbiamo, avete, hanno amato.

Amerò, amerai, amerà. Plurale: ameremo, amerete, ameranno.

In questa lingua ogni verbo finisce in o la prima indicativa presente, e in questa coniugazione prima, finisce ancora in o la terza singulare indicativa del preterito.

Ma ècci differenza, ché quella del preterito fa el suo o longo, e quella del presente lo fa o breve.


Imperativo

Ama tu, ami lui. Plurale: amiamo, amate, amino.

Amerai tu, amerà colui. Plurale: ameremo, ecc.


Ottativo

Dio ch’io amassi, tu amassi, lui amasse. Plurale: Dio che noi amassimo, voi amassi, loro amassero.

Dio ch’io abbia, tu abbi, lui abbia amato. Plurale: Dio che noiu abbiamo, abbiate, abbino amato.

Dio ch’io avessi, tu avessi, lui avesse amato. Plurale: Dio che noi avessimo, avessi, avessero amato.

Dio ch’io, tu, lui ami. Plurale: amiamo, amiate, amino.