Pagina:Alberti - Della architettura della pittura e della statua, 1782.djvu/10

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
iv

che per l’uniformità agli originali dell’Autore. Di queste si servì ancora Giacomo Leoni Architetto Veneziano per fare la sua bellissima edizione in Londra del 1726., quale ci ha servito anch’essa di esemplare per l’Intaglio delle Tavole, essendo l’originale Latino dell’Alberti affatto di queste privo, e quelle delle edizioni suddette intagliate in legno, e poco esatte, e pregevoli. Gradite quest’Opera che prima vi presento, e nuovamente incoraggitemi, per il seguito, promettendovi tutta la possibile diligenza acciò riescano esatte, e degne del vostro aggradimento.


Della architettura della pittura e della statua, finalino, iv.jpg



VITA