Pagina:Alberti - Della architettura della pittura e della statua, 1782.djvu/152

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
130 della architettura

alquanto meglio, accioche la madre de la famiglia vi vadia più volentieri, et si avvezzi a governare la casa diligentissimamente: nè si debbe havere tanto rispetto a la utilità, et al cavarne, quanto che procurare a la sanità innanzi a tutte l’altre cose. Quando tu harai bisogno di mutare aria, dice Celso che si faccia d’inverno. Percioche noi ci assuefacciamo con manco pericolo a sofferire la gravezza de l’aria ne l’inverno, che ne la state. Ma noi andiamo di state in villa, più che d’altri tempi: et però si debbe avvertire che ella sia sanissima. Ne le case dentro a la Città, bisogna havervi sotto la bottega, più ornata che la sala, secondo finalmente che l’huomo si penserà che conferisca a le sue speranze, et a suoi desiderii; et in un cantone di tre vie piglierà la cantonata: nel Mercato, piglierà la testa; ne la via maestra, piglierà quella parte, che è più veduta, nè si harà altro pensiero maggiore, salvo che ella sia talmente esposta, che ella alletti i comperatori. Ne le muraglie da lo lato di dentro non sarà sconveniente l’usare mattoni crudi, graticci, legnami, et creta battuta, et rimenata con paglia. Ma le parti di fuora, perche sempre non si hanno i vicini buoni, et da bene, si debbono murare con muraglia più salda, et che resista contro a le ingiurie de tempi, et de gli huomini: et i chiassolini, che fra l’una casa, et l’altra rimarranno, o gli lascierai tanto larghi, che si rasciugheranno, in un subito da venti, overo tanto stretti, che amendue le grondaie si raccorranno in una stessa doccia, et per essa si manderanno fuora le pioggie. Questi tali chiassolini, che ricevono l’acque da due bande, et le doccie ancora, si faranno che habbino gran pendio, accioche l’acqua non vi si fermi, et non vi trabocchi, ma se ne vadia per la più corta via che si può. Ultimamente tutto quello, che di queste cose mi pare che sommariamente si debba riandare insieme con quelle cose, che noi trattammo nel primo libro, è questo: Quelle parti de gli edificii, ch’e’ vogliono che non portino pericoli de gli accidenti de fuochi: Quelle che sono per essere esposte a non fentire ingiurie de temporali: Quelle, che debbono essere più serrate: Quelle che non debbono sentire romori, bisogna che si faccino in volta. Tutte le habitationi a terreno si debbono fare in volta, le di sopra sono più sane con palchi di legname. Quelle stanze c’hanno di bisogno di buono lume la mattina a buon hora, o la sera al tardi, come sono i ricetti, i luoghi da passeggiare, e la libreria massimo, bisogna che guardino verso Levante equinottiale. Quelle stanze, c’hanno paura de le tigniuole, de l’impallidire, del muffare, et de lo arrugginire le vesti, i libri, le armi, i semi, et tutte le cose da mangiare, serrinsi di verso mezzodì, et di verso Occidente. Se e’ si havesse bisogno di lumi, che non variassino come interviene a Pittori, a gli Scrittori, et a gli Scultori, et a simili, dagliene di verso Settentrione. Finalmente volgi tutte le stanze per la state che ricevino i venti Grechi; quelle per l’inverno voltale a mezo giorno; quelle per la primavera, et per lo autunno voltale a Levante. Fa che le stufe, et le sale per la primavera voltino verso Ponente. Et se tu non puoi fare questo, cosi come tu vorresti, sopra tutto accommodati di stanze, principalmente per la state, et secondo me chi mura, muri per la state, se egli è savio. Percioche a lo inverno si provede facilmente, et è a bastanza il serrare, et accendere il fuoco. Contro al caldo bisognano molte cose, ma elle non giovano già sempre a bastanza, et perciò fa che le stanze per l’inverno sieno piccole, basse, et con piccole finestre, et le stanze per la state tutte al contrario sieno larghe, aperte, spatiose, et fa che ricevino i venticelli freddi, ma non v’entrino nè i Soli, nè le vampe loro. Gran quantità d’aria rinchiusa in una stanza grande, a similitudine d’una gran quantità d’acqua, pena assai a riscaldarsi.


DEL-