Pagina:Alberti - Della architettura della pittura e della statua, 1782.djvu/19

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

di leonbatista alberti. xiii
Firenze 1550. fol. et in Venetia 1565. 4., e l’istesso anno nel monte Regale. fol. con la pittura del medesimo Alberti tradotta per M. Ludovico Domenichi.||
La pittura di Leonbatista Alberti tradotta per M. Lodovico Domenichi. In Vinegia 1547. 8.||
Opuscoli Morali di Leonbatista Alberti gentilhuomo Fiorentino, tradotti e parte corretti da M. Cosimo Bartoli. In Venetia 1568. 4.||


Segue la lista di detti opuscoli.

Momo, overo del principe.||
De discorsi da Senatori, altrimenti Trivia.||
Dello amministrare la ragione.||
Delle comodità, e delle incomodità delle lettere a Carlo suo fratello.||
La vita di S. Potito.||
La Cifra.||
Le piacevolezze Matematiche.||
Della republica, della vita civile e rusticana, e della fortuna. Crederei che questo trattato sia stato Toscanamente scritto dall’Alberti, e l’habbiamo notato disopra.||
Della Statua.||
Della Pittura.||
Della Mosca.||
Del Cane.||
Cento Apologi.||
Hecatomfila.||
Deiphira.||
Queste due ultime opere non sono state tradotte dal Bartoli, ma le medesime che quelle di sopra si sono accennate sotto i titoli: de amore, et de remedio amoris, scritte in lingua Toscana dall’Alberti.||

DELLA