Pagina:Alberti - Della architettura della pittura e della statua, 1782.djvu/220

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
198 della architettura

fa ne l’ordine dove sieno molte colonne che di basso rilievo sportino in fuori, ancor che e’ ci sieno alcuni che volessino che in questo luogo il disegno de le base si tirasse continovato per tutto, come ne Tempii. Sopra questo quadrato imbasamento di mura, si rizzava in alto una muraglia tonda, opera certo eccellente, alta più che le già poste mura non meno che per la metà del suo diametro, ne più che per i duoi terzi, et la larghezza di si fatto tondo, non pigliava manco che per la metà del diametro maggiore di essa pianta quadrata, nè più, che per i cinque sesti: Assai ne occuparono i tre quinti, et a vicenda mettevano un’altra muraglia quadrata sopra questa tonda, et sopra l’altra tonda, un’altra quadrata, con il medesimo ordine, et con la medesima regola, che ti ho detto, insino a che ne facevano quattro l’una su l’altra, et le adornavano come habbiamo detto. Non mancavano dentro ad essa mole scale commodissime, et luoghi sacri, et colonnati, che per le mura da basso ad alto sportavano in fuori, et infra le colonne, ancora statue, et Epitaffi, posti et collocati in luoghi ragionevoli et convenienti.


De gli Epitaffi, de gli scritti, et de le imagini che si mettono ne sepolchri.

cap. iv.


MA io vengo hora mai a ragionare de gli Epitaffi, i quali appresso de gli Antichi, furono et varii, et infiniti, conciosia che non gli usavano solamente ne le sepolture, ma et ne le Chiese, et ne gli edificii privati. Dice Simmaco ch’ei mettevano nel frontispicio de Tempii il nome de lo Dio, a chi e’ l’havevano consecrato. I nostri usano di scriver sopra le Cappelle il nome de Santi, et l’anno nel quale sono state loro dedicate; ilche sommamente mi piace: Et non sia questo fuor di nostro proposito, ch’essendo Crate filosofo arrivato a Spiga, over Zelia, et havendo trovato quasi per tutto sopra le porte de’ privati questi versi:

Hercole il forte nato del gran Giove

Habita in quest'albergo: hor s’allontani

Quindi ciò che giamai nuocer ne possa:

Se ne rise, et persuase loro che più tosto vi dovessino scrivere: Qui habita la povertà: perche questa molto più prontamente, et più gagliardamente che Hercole manderebbe a terra qual si sia sorte di monstro. Ma gli Epitaffi saranno, o scritti, i quali si chiamavano già Epigrammi, o veramente notati con statue, et imagini. Platone usava dire, che ne sepolchri non vorrebbono esse più che quattro versi; ma e’ ci fu chi disse:

Scrivi il mio caso in mezo alla colonna,
Ma breve sì, che ’n trapasando leggasi.

Et veramente che una troppa lunghezza si in altri luoghi, si massimo in questi è cosa odiosa: o se pur sarà alquanto lunghetto, bisogna che tale Epitaffio sia del tutto elegante, et che egli habbia in se un certo che da muovere a compassione, et a misericordia, et sia gratiato, et che tu non ti habbia a dolere d’haverlo letto, et che ti piaccia d’haverlo imparato a mente, et di recitarlo spesso. Lodasi quello di Omenea:

S’alma per alma compensar lasciasse

Il crudo fato, o si potesse vivo
Tornare altrui con la sua propria morte,
Ogni tempo prescritto al viver mio
Per te, cara Omenea, lieto darei;
Ma poi che ciò non posso, il Sole, et Dio
Verrò fuggendo per seguirti lasso

Con affrettata morte a i Regni stigii.
et altrove

Guar-