Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/150

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
108 La cassetta delle rinunce

malaticci, ma anche a tutti gli altri che non escono mai dalle strade di una città; dar loro soprattutto un po’ di dolcezza, procurare una sosta, fisica e morale, in una vita ove tutto urla e ferisce: nervi, sensi, anima.

Pensiamo alle migliaia di bambini che crescono senza conoscere nemmeno un giorno di i questa gioia! Eppure sarebbe cosa facile ad j ogni fanciullo, ad ogni signorina fortunata di procurarla a uno almeno di quei poveri esseri».

Sì, vediamo, cara amica, di dar, non ali, ma gambe per camminare sul terreno della praticità, a questo tuo bel sogno.

* * *

Alcuni anni fa, una povera maestra di campagna iniquamente perseguitata da uno strapotente Provveditore agli studi, ammalava... di fame, dentro una lurida stanza in una grande città d’Italia, lei e il suo bambino. Il bambino era ischeletrito, così che non si osava toccargli le braccia, le spalle, non si osava sollevarlo per timore che si rompesse: mai vidi un

108 La cassetta delle rinunce