Pagina:Albini - Le nostre fanciulle.djvu/30

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
xxxii Sofia Bisi Albini. La sua vita e la sua opera

che ha per noi un altro frammento, il «Senza bussola» dell’immortale Gallina.

Ma tutto questo nel campo dei desideri. Una vivida realtà è la raccolta degli articoli che formano materia a questo volume. Ricavati da quella miniera inesauribile che è la «Rivista delle signorine» essi ci riportano a quel tempo gioioso in cui la sua penna scorreva rapida per noi e i cari occhi splendenti si levavano dai fogli per accoglierci con uno sguardo materno.

* * *

La «Rivista delle signorine» fu il campo smisurato che assorbì tutte le possibilità di lavoro di Sofia Bisi Albini.

La fondò da sola, senza aiuti di sorta nel 1892 e la condusse, attraverso immensi sacrifici di tempo e di denaro, fino alla sua morte.

Se noi riguardiamo a certi autori moderni, che, per aver rimestato con la stilografica d’oro in ogni più obbrobrioso letamaio umano, hanno guadagnato centinaia di migliaia di lire, che angoscia e che tristezza non ci prendono per questa donna alta e pura e sdegnosa, che nessuno aiutò, nessuno

xxxii Sofia Bisi Albini. La sua vita e la sua opera