Pagina:Alcippo.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

21

ATTO TERZO.

SCENA PRIMA.


Leucippe, Tirsi, Montano.


Leu.LO strano avvenimento
Io v’ho fatto palese: a voi pertiensi
Risvegliare il pensiero
Per discreto rimedio:
A le Ninfe fia caro
S’egli sarà severo.

Mon.Leucippe esser dee grave,
E molesto a ciascuno il rimirare
Aprirsi strada, onde per questi monti
Lo studio de le Ninfe,
E la loro honestà sia mal secura;
E questo mal, che sorge
Hassi da castigare, anzi che cresca,
E che per sua grandezza
Non si possa vietare.

Tir.Costui, che con ardir non più provato
Porge essempio ad altrui
Di divenire ardito,
Dee certo esser punito,
E con la pena sua porgere essempio
Del nostro sdegno, onde altri
Habbia spavento d’oltraggiarne: parmi
Di pensar giustamente:


Ne