Pagina:Alexander Pope - Pastorals - en it fr.djvu/129

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

Verno. 77



LICIDA.


Così concedan pur piogge feconde
     L’umor vitale, e la futura messe
     Faccian, che al campo tuo di molto abbonde;
25Deh! canta, o Tirsi. Un tal comando impresse
     Dafni morendo = Voi pastor cantate
     Intorno al mio sepolcro = chiaro espresse.
Tu canta, ed insiem io sfogo i miei dolori
     Dietro la scura tomba, e insiem adorno
     30L’urna selvaggia di novelli allori.


TIRSI.


Lasciate, o muse, il cristallin soggiorno;
     Vengan le Ninfe, ed i Silvani, in doni
     Recando serti di Cipresso intorno.
Piangete, Amori, e fra dolenti suoni
     35Di Mirti il rio coprite, e via rompete
     Gli archi, siccom allor, che cadde Adoni.

caricamento di fr:Page:Alexander Pope - Pastorals - en it fr.djvu/129 in corso... Loading.gif