Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/109

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ATTO QUINTO

SCENA PRIMA

Carlo.

Ch’altro a temer, ch’altro a sperar mi resta,

che morte omai? Scevra d’infamia almeno
l’avessi!... Ah! deggio dal crudel Filippo
piena d’infamia attenderla. — Un sol dubbio,
e peggior d’ogni morte, il cor mi punge.
Forse ei sa l’amor mio: nei fiammeggianti
torvi suoi sguardi un non so qual novello
furor, mal grado suo, tralucer vidi...
E il suo parlar colla regina or dianzi...
E l’appellarmi; e l’osservar... Che fia...
(oh ciel!) che fia, se a lui sospetta a un tempo
la consorte diventa? Oimè! giá forse
punisce in lei la incerta colpa il crudo;
che del tiranno la vendetta sempre
suol prevenir l’offesa... Ma, se a tutti
il nostro amor, ed a noi quasi, è ignoto,
donde il sapria?... me forse avrian tradito
i sospir miei? Che dico? a rio tiranno
noti i sospir d’amore?... A un cotal padre
penetrare il mio amor mestier fors’era,
per farsi atroce, e snaturato? Al colmo
l’odio era in lui, né piú indugiar potea.
Ben venga il dí, ben venga, ov’io far pago