Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
134 polinice



SCENA SESTA

Polinice, Creonte.

Creon. Misera madre! oh quanto io la compiango!...

Mal suoi figli conosce. Oh! sol da questo
pendesse pur! lieta ella fora. — Or, dimmi;
tu dunque cedi: al tuo fratel ti affidi...
Polin. Nulla per anco è in me di fermo: assai
mi spiace, è ver, l’udir nomarmi in Tebe
nemico; e duolmi di fraterna rissa
l’eccitator parervi: eppur, che deggio,
che farmi omai?
Creon.  Regnare.
Polin.  E aver poss’io
quí, senza sangue, regno?
Creon.  — Io te solea
fin da bambino tener quasi figlio:
ben vidi io sempre in te l’indol migliore;
e alla fra voi pendente madre, oh quante
volte osservar la fea! — Cor non mi basta
or d’ingannarti, no. — Non avrai regno
quí, senza sangue.
Polin.  Oh ciel!...
Creon.  Ma sceglier puoi:
sta in te; poco versarne, o assai...
Polin.  Che ascolto?
Ben era questo il mio timor da prima.
Soltanto io dunque ho dell’error la scelta?...
No, mai non fia, no mai: tanti, e sí sacri
dritti coll’armi (ah!) víolar non voglio;
e sia che può: mezzo non voglio iniquo
a ragion giusta. In Argo torni Adrasto;
solo, ed inerme, io rimarrommi in Tebe.
Creon. Ottimo sei, qual ti credea; tuoi detti
io ben commendo: ma, poss’io lasciarti