Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie postume, 1947 – BEIC 1726528.djvu/15

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto primo 9

si scordano di gloria insino il nome.

*Occhi non han, che per veder perigli1;
*movano ovunque irresoluto il piede,
*trovansi ognor nemici a tergo, e a fronte;
*miseri; nel fuggir credeano scampo
*di ritrovar, e nello scampo han morte;
morte atroce, e crudel, scema d’onore.
Fu dell’invida sorte il colpo avverso;
*l’empia s’avvide, ch’altri non potea,
*se non Antonio istesso, i suoi fugare.
Invan di lui si rintracciaro i passi;
sparí, fu ignoto ad ogni umana gente:
*la fama forse al suo destin pietosa,
*che grande il propagò, vil, lo nascose.
Quel dí fatal, ch’esser dovea d’ognuno,
di noi, l’ultimo giorno, a incerta speme
m’aperse il cuor; credei, ch’a’ piedi almeno
del mio signor, avrei l’inutil vita,
*peso odioso ai vinti, a lui donata.
Quella ch’ad Azio sí onorevol morte
fuggimmi, al Nilo or ritrovar credea.
Ma fin che a noi il suo destin palese
ci renda il cielo, i giorni a lui riserbo.
Felice me, se pur quel dí riveggo,
ove armata la destra in sua difesa,
col mio morir, potrò giovargli ancora!
Cleop.Ma tu con lieve, e fuggitivo stuolo
come approdasti salvo a queste sponde?
Non signoreggia il mar l’accorto Augusto?
E a questa riva, ardimentose, e fiere
non t’inseguir le vincitrici vele?
Canid.Forse dobbiam, regina, il nostro scampo
alle picciole forze, e ’l sol disprezzo
destammo in cuor dell’orgoglioso Augusto.


  1. «L’ho trovato ottimo nell’83»