Pagina:Alfieri - Tragedie, Siena 1783, II.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

ATTO SECONDO 41

270Semplice età! spesso egli udendo il Padre
Nomar da noi, dicea: deh! quanto fia,
Quando ch’io ’l vegga? E poi di Troja, e d’armi,
E di Nemici udendo, in tua difesa
Volea con vezzo fanciullesco ei stesso
275Correre armato ad affrontar perigli.

Agaménnone.

Deh! più non dirmi: andianne. Ogni momento,
Ch’io di vederlo indugio, al cor m’è morte.