Pagina:Alfieri - Vita, I, Londra, 1804.djvu/118

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
116 VITA DI VITTORIO ALFIERI.


[1767] vanotti vivessimo in perfetta armonia, e che l’Ajo non piò a me che ad essi cagionasse il minimo fastidio, tuttavia siccome per le gite da una all’altra città bisognava pure combinarci per muovere insieme, e siccome quel vecchio era sempre irresoluto, mutabile, e indugiatore, quella dipendenza mi urtava. Convenne dunque ch’io mi piegassi a pregare il Ministro di scrivere in mio favore a Torino, e di testimoniare della mia buona condotta e della intera capacità mia di regolarmi da me stesso, e di viaggiar solo. La cosa mi riuscì con mia somma soddisfazione, e ne contrassi molta gratitudine col Ministro, il quale avendomi preso anche a ben volere, fu il primo che mi mettesse in capo ch’io dovrei tirarmi innanzi a studiar la politica per entrare nell’aringo diplomatico. La cosa mi piacque assai; e mi parve allora, che quella fosse di tutte le servitò la men serva; e ci rivolsi il pensiero, senza però studiar nulla mai. Limitando il mio desiderio ia me stesso,non l’esternai con chi che sia, e mi contentai di tenere frattanto una condotta regolare e decente per tutto, superiore forse alla mia età. Ma in questo mi serviva la natura mia assai piò ancora che il volere;essendo lo stato sempre grave di costumi e di modi, (senza