Pagina:Alfieri - Vita, I, Londra, 1804.djvu/120

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
118 VITA DI VITTORIO ALFIERI.

[1767]o, per dir vero, impazientissimo di ritrovarmi solo e signore di me in una strada maestra, lontano trecento e più miglia dalla mia prigione natía; non volli differire altrimenti, e abbandonai i compagni: ed in ciò feci bene, perchè in fatti poi essi stettero tutto l’Aprile in Napoli, e non furono perciò più in tempo per ritrovarsi all’Ascensione in Venezia, cosa che a me premeva allora moltissimo.

CAPITOLO TERZO.

Proseguimento dei viaggi. Prima mia avarizia.


Giunto in Roma, previo il mio fidato Elia, azzeccai a piè delle scalere della Trinità de’ Monti un grazioso quartierino molto gajo e pulito, che mi racconsolò della sudiceria di Napoli. Stessa dissipazione, stessa noja, stessa malinconia, stessa smania di rimettermi in viaggio. E il peggio era, stessissima ignoranza delle cose le più svergognanti chi le ignora; e maggiore ogni giorno l’insensibilità per le tante belle e grandiose cose di cui Roma ridonda; limitandomi a quattro e cinque delle principali