Pagina:Alfieri - Vita, I, Londra, 1804.djvu/198

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
196 VITA DI VITTORIO ALFIERI.


[1771] mezzo di un qualche suo affidato mi avea segretamente scritto, e spedito l’avviso di quanto seguiva. Il messaggiere, largamente pagato, avea quasi che ammazzato il cavallo venendo a tutt’andare in meno*di du’ore a Londra, e certamente vi giunse forse un’ora prima che non giungesse il marito. Ma per mia somma fortuna, non avendomi più trovato in casa nè il messaggiero, nè il marito, io non fui avvisato di nulla, ed il marito vedendomi uscito,. s’immaginò ed indovinò ch’io fossi al Teatro Italiano; e là, come io narrai, mi trovò. La Fortuna in quest’accidente mi fece due sonimi heneficj; che io non mi fossi slogato il braccio destro in vece del manco; e ch’io non ricevessi - quella lettera dell’amata donna, se non se do po l’incontro. Non so se non avrei in qualche parte forse operato men bene, ove l’una di queste due cose mi fosse accaduta. Ma intanto, partito appena il marito per Londra, per altra via era anche partita la moglie, e venuta direttamente a Londra in casa di quella sua cognata, che non molto lontana abitava dalla casa del suo marito; quivi già avea saputo che il marito meno d’un’ora prima era tornato a casa in un fiacre; dal quale slanciatosi dentro si era chiuso in camera,senza voler nè vedere nè fa-