Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/106

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
84 visione

Che volto a me: Mira, gridò, qual hanno
     Vena di duol feconda i miei martiri;
     117Mira in me quanto incrudelir mai sanno.
Tu in me non scorgi, ovunque il guardo giri,
     Fuorché lutto e squallor. Pari mai férse
     120I tuoi, di cui ti lagni, ai miei sospiri?
E ad una ad una a me l’aspre diverse
     Pene dell’Alma afflitta, e i moti amari
     123Dell’agitato immaginar scoverse.
Tacqui, e gelai; ma fin d’allor più cari
     I dolor tenni, e impresso in me cotanto
     126Fra i desir giacque alla ragion contrari
Quest’obbietto d’amor degno e di pianto,
     Che in carte il pinsi, e di quel poi ch’io scrissi
     129Altri, chè a Dio sì piacque, ebbene il vanto.
E tu a spettacol benché atroce fissi
     Rivolger sdegnerai gli sguardi tui,
     132Qual se te stesso a certa morte offrissi?
Ah! troppo dolce è quel sentier, per cui
     Te guida il Ciel, che a ben oprar t’invita
     135Co’ tuoi non già, ma cogli affanni altrui.
L’Alma mia fra’ pensier misti smarrita
     D’amor, di gaudio, di rossor, di tema
     138La via negommi al favellar spedita,
E della prima invece a me l’estrema
     Parte de’ sensi miei sul labbro pose,
     141E questa, o in sè discorde, o scura, o scema;
Ma alfìn tornando in me ragion, rispose:
     Ben giusto è ch’io paventi, e fuggir brami
     144Piaghe serbate ai rei tanto penose;
Che il mio fallir vuol, che me reo pur chiami,
     E mia viltà, ch’io pel rossor m’asconda,
     147E il gaudio pel comun sangue, ch’io t’ami,