Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
106 visione

Ella, che l'una man con modo altero
     Tenea là dove il fianco il busto folce,
     84L’altra innalzò con incurvar leggiero
Verso le labbra, che il bel riso molce,
     E abbassò gli occhi in sì leggiadra guisa,
     87Che in Donna mai non vidi atto più dolce;
E a dir sì prese: Io benché in loco assisa,
     Ove giunger non può quest’aere impuro,
     90E per tanto da te spazio divisa ,
Pur lessi aperto in Dio, cui nulla è oscuro,
     L’ostinato pensier, che sì t’avvinse,
     93Che inutil provi anche il domarlo, e duro.
Ben raro in amator tal si dipinse
     Stabil idea d’una beltà mortale,
     96Qual la mia d’amor nuda a te si strinse.
Ma del Ciel grazia è il tuo pensier, che l’ale
     A me volse; e ch’io scenda a parlar teco
     99È grazia nuova ai maggior doni eguale;
Perchi’io, che porto la mia gloria meco,
     A te la stella di salute additi
     102Nel mar che varchi, aspro di scoglj, e cieco;
E perchè tu, quand’ella a sé t’inviti,
     Tutte rivolga a lei le accese voglie,
     105Ed il mio cor nel riamarla imiti.
Ch’ ella le spine, che in sé impresse accoglie
     Il mio manto, e a me fér vivendo guerra,
     108Cangiommi in segni di trionfo e in spoglie.
Or tu mi segui, e il gran momento afferra
     Per veder quella, che non mai s’appanna,
     111Sacra Aurora, che il cielo orna e la terra.
Seguimi; vano sogno or non t’inganna,
     Od ombra, che dall’aer condenso nacque:
     114Spoglia il muto stupore: Io son Marianna;