Pagina:Alfonso Varano - Opere scelte 1705-1788.djvu/167

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

settima 145

Sì che dell’Uom le iniquamente vaghe
     648Voglie giugnesser là dove d’estinta
     Fede l’Anime ree vantansi paghe.
Non fu scema Pietà dunque, né vinta
     651Dalla Giustizia estrema; anzi essa illesa
     A combatter per noi mostrossi accinta.
Gli empj rapì, cui, se più a lungo stesa
     654La vita fosse, avria l’eterno lutto
     Maggior recata in maggior falli offesa;
E agl’innocenti il carcer lor distrutto,
     657Gli accolse amica in que’ beati liti,
     Ove ognor verde è di letizia il frutto,
E tal ne’ spirti fra le colpe arditi
     660Esempio ai vivi diè d’immagin fiera,
     Ch’altri non più l’altrui delitto imiti,
Sorse, mentr’io dicea, l’umida e nera
     663Notte, e col manto suo di stelle nudo
     Coperse il giorno di lugubre sera;
Giorno, cui par non nacque altro più crudo.